aprile 5, 2018

2 parole con… Claudia Gargioni

2 parole con… Claudia Gargioni

La terza di una serie di interviste, o meglio 2 parole con figure di rilievo della scena cremasca nell’ambito dell’illustrazione, design, fotografia, motion graphic, pittura… Insomma creativi che hanno attirato la nostra attenzione con i loro lavori.

È il turno di Claudia Gargioni, 37 anni, food-stylist e autrice del blog “Il Gatto Goloso”, mamma di una bimba di 3 anni e amante di tutto ciò che è semplice e genuino. Ama il profumo della pioggia, i colori del cielo prima di un temporale, il tiramisù e non resiste mai all’acquisto di vecchie stoviglie.

Ciao Claudia, raccontaci qualcosa di te. Di cosa ti occupi?

Ciao! Sono un’appassionata di cibo da sempre. A 12 anni il mio passatempo preferito era quello di sfogliare riviste di cucina e ritagliare le ricette. Ci trascorrevo pomeriggi interi. Leggevo la ricetta ma amavo ancor di più soffermarmi ad osservare le immagini dei piatti e a pormi moltissime domande riguardo al backstage. Vedo il bello ovunque e cerco di catturarlo anche quando scatto una fotografia ad un semplice piatto di pasta o un biscotto. Ci sono cibi meno fotogenici di altri ma la sfida è proprio quella!

Quando e come hai capito di poter combinare la tua passione per il cibo e quella per la fotografia?

Era il 2006 e sul web iniziavano ad emergere i primi blog. Da appassionata ho iniziato a leggerli, seguirli, commentarli e studiarli. È trascorso un’intero anno prima che mi decidessi ad aprirne uno tutto mio. Così il blog è nato una pigra domenica pomeriggio di inizio autunno del 2007! Avevo a disposizione una macchina fotografica compatta, alcuni piatti spaiati (anche bruttini a ripensarci) e tanto tantissimo entusiasmo! Da allora ho cambiato 3 reflex, i miei props sono decisamente aumentati di volume ma l’entusiasmo è sempre lo stesso.

Come fa a vivere una food stylist?

È un lavoro creativo e dinamico. Mi occupo di ideare o realizzare ricette (per riviste, magazine, aziende, portali web e agenzie fotografiche), cucinare, scattare e condividere. I guadagni non sono altissimi ma chi sceglie questo lavoro lo fa soprattutto per passione.

Hai altre attività oltre a quella del food styling?

Ho un piccolo negozio su Etsy dove vendo sfondi fotografici per still life e food photography, ma oltre a questo mi occupo anche di grafica, realizzazioni di kit party, partecipazioni e wedding.

Descrivici una tua giornata tipo.

Ho una tabella di marcia piuttosto precisa. Mi sveglio alle 7,30, colazione, spesa e alle 9,00 sono pronta per iniziare a lavorare. Cerco di cucinare e fotografare almeno due ricette al giorno, possibilmente da concludersi intorno alle 12,30. Alcuni clienti necessitano, oltre allo still life finale, anche degli step passo a passo della ricetta, quindi questa opzione rallenta parecchio il lavoro. Il pomeriggio lo dedico solitamente a redigere i testi e all’editing fotografico.

Ci sono persone che ti hanno ispirato o sono per te punti di riferimento nel tuo lavoro?

Amo osservarmi perennemente intorno, mi piace guardare i vari profili instagram e passerei serate intere su pinterest. Sono però anche di vecchio stampo e non potrei fare a meno di annusare il profumo della carta stampata, quindi ho diversi abbonamenti a riviste e cerco di seguire le ultime uscite il libreria sul tema food. Poi ci sono le grandi icone di sempre: Jamie Oliver, Donna Hay, Béatrice Peltre, Martha Stewart, Lorraine Pascale e moltissime altre fotografe italiane fra cui sicuramente Sigrid Verbert.

Tra le tante ricette che hai proposto, qual è la tua preferita?

Fra le mie ricette preferite compaiono soprattutto piatti leggeri e veloci. Pochi buoni ingredienti, possibilmente a km zero, e tantissima semplicità anche nella realizzazione. Come questa bruschetta nel bicchiere, scenografica quanto basta, con un abbinamento insolito ma gustoso e molto, molto semplice.

Quali sono i tuoi obbiettivi per il futuro?

Al momento il mio obiettivo è quello di continuare a fare questo lavoro con l’impegno e la passione di sempre e poi, beh, se vogliamo dirla tutta, il mio sogno più grande resta la realizzazione di un libro di ricette tutto mio.

food , graphic design , photography # , ,
Share: / / /